La danza contemporanea nasce in Europa e negli Stati Uniti dopo la Seconda guerra mondiale. Prosegue la rivoluzione attuata dalla danza moderna a favore di nuove espressioni corporee, che talvolta comprendono anche la recitazione. Dalla nascita della nuova danza non ci saranno più nette classificazioni tra i generi, ma tutta l'energia creativa sarà focalizzata sull'unico obiettivo di comunicare. La contemporaneità è un luogo caratterizzato dalla contaminazione, dal melting pot, dalla presenza di più elementi che si fondono insieme per dare come risultato qualcosa di nuovo. Anche per le nuove forme coreografiche accade questo, ma non soltanto in ambito coreutico. Già dai primi anni settanta, infatti, le collaborazioni più disparate tra le varie forme artistiche danno vita a delle performance che poi entreranno a far parte a tutto titolo nella storia della danza come pilastri del cambiamento in atto. Anche il ruolo del danzatore è molto cambiato nella danza contemporanea. Un danzatore emancipato e autore di se stesso, al quale il coreografo lascia molto più spazio creativo rispetto al passato. Molto spesso il coreografo contemporaneo delega al danzatore la creazione di frasi coreografiche, che poi assembla e inserisce in un contesto e in uno spazio.
Per gli orari e tutte le informazioni sui corsi tenuti da Francesca Frassinelli consultare l'orario scaricabile dalla homepage o rivolgersi alla segreteria. I nostri responsabili sapranno orientarvi sulla scelta del corso più adatto alle vostre esigenze.

Per gli orari e tutte le informazioni sui corsi tenuti da Elisabetta Bortolotto consultare l'orario scaricabile dalla homepage o rivolgersi alla segreteria. I nostri responsabili sapranno orientarvi sulla scelta del corso più adatto alle vostre esigenze.

Questo corso si pone come obiettivo quello di offrire una preparazione di base di danza contemporanea per adulti principianti che abbiano comunque una minima esperienza nell'approccio alla danza. La lezione e le coreografie proposte dall'insegnante prevedono uno studio del movimento portato al massimo della fluidità, estremamente naturale ma nello stesso tempo molto tecnico, in cui ogni gesto diventi naturale conseguenza di quello precedente.